5 consigli per creare e mantenere uno stile di vita sano

È venuta anche a te voglia di vivere in modo più sano? Se ti trovi su questa pagina probabilmente è così. Io che ho fatto questa scelta di vita ti capisco e oggi non saprei vivere diversamente.

La quotidianità è troppo veloce, stressante e poco salutare e questo riduce la qualità della nostra vita. Non va dimenticato, poi, che anche l’inquinamento a tutti i livelli compromette la nostra salute e quindi il desiderio di tutelarci è la spinta corretta per vivere meglio.

 Siamo noi stessi il bene più caro che abbiamo, sei d’accordo con me?

Cerchiamo allora di capire se la mia esperienza decennale su uno stile di vita sano può esserti d’aiuto.

Cominciamo dall’alimentazione

Ormai lo sappiamo tutti che una buona alimentazione è alla base della salute fisica e non solo. I programmi televisivi di cucina e l’attenzione maggiore alle produzioni locali ci hanno resi un po’ più esperti su questo argomento ed è una realtà che dovremmo sfruttare a nostro vantaggio. In fin dei conti le regole di base sono semplici:

  • scegliere prodotti biologici e di stagione;
  • variare spesso gli alimenti e mangiare regolarmente;
  • non trascurare del tutto i carboidrati;
  • consumare molta frutta e verdura;
  • ridurre i grassi saturi, il sale e lo zucchero;
  • bere molta acqua;
  • mantenere il peso forma.

Basta un po’ di impegno e ciascuna di queste azioni diventerà una routine spontanea da seguire con facilità.

Ma per uno stile di vita sano non basta solo una dieta corretta o, come sappiamo, anche fare attività fisica. Prima di tutto è importante riuscire a non perdere la concentrazione su questo obiettivo. Cosa intendo?  Voglio dire che è la costanza a premiare con i giusti risultati! Ce la puoi fare, fidati di me. Scopriamo, allora, cinque trucchi per rendere tutto più semplice.

 5 trucchi per abituarsi a mantenere uno stile di vita più sano

Ecco i cinque suggerimenti di base per imparare a mantenere uno stile di vita di qualità

  1. Preparati bene: quando scegli un’attività fisica da svolgere, in palestra o all’aperto, ricorda sempre di preparare il borsone (o tutto il necessario) la sera prima. Ti aiuterà a risparmiare tempo ed entrare subito nella modalità di allenamento, senza distrarti prima di uscire di casa. Ricorda, soprattutto, di verificare la sveglia prima di addormentarti (non vorrai certo avere una scusa per restare sotto le coperte?!).
  2. Routine: dopo i primi giorni di prova, inizia a creare una tua routine. Che parta dal riscaldamento, dalla meditazione o da una passeggiata non importa. È necessario che tu la mantenga costante nei giorni così da monitorare ciò che stai facendo e avere una specie di “bussola” sulle tue attività.
  3. Cerca compagnia: se sei un po’ pigro o ti stufa l’idea di fare tutto da solo ricorda che allenarsi con qualcun altro può essere più stimolante e soddisfacente. Potresti chiedere a qualche amico di condividere con te questa esperienza e sarebbe anche un ottimo modo per trascorrere insieme del tempo.
  4. Annota i progressi: un passaggio molto importante, soprattutto all’inizio, è quello di prendere nota dei tuoi miglioramenti. Scegli con che frequenza farlo (settimanale o mensile) e non dimenticare di trascrivere gli obiettivi che raggiungi e quelli per i quali fai più fatica. In questo modo acquisirai consapevolezza dei risultati e migliorerai le attività a favore di ciò che ti risulta più pesante.
  5. Premiati: valuta i tuoi successi facendoti un regalo. Scegli ciò che più ti piace evitando, se possibile, dolci o cibo spazzatura: vanificheresti ogni cosa!! Sii creativo e prenditi del tempo tutto per te: probabilmente è il premio più grande.

So che si può fare, credici anche tu! Posso assicurarti che il beneficio che si riceve da questo cambiamento di stile di vita non è solo a favore del corpo ma anche della mente e dell’umore.

Se hai bisogno di un confronto o vuoi semplicemente raccontarmi la tua esperienza scrivimi attraverso la pagina Contatti del sito o lo spazio commenti alla fine di questa pagina. Sarò felice di risponderti e confrontarmi con te.

Nel frattempo… mangia, vivi e ama pure, prima te stesso e così tutti gli altri!

,

5 livelli per raggiungere il benessere secondo dōTERRA

Per garantirci un sano benessere fisico ed emotivo a volte abbiamo bisogno di un aiuto, di un percorso da seguire per riuscire a stare meglio. Abitudini sane e prodotti di qualità fanno la differenza e sono la base su cui costruire il cambiamento.

Se mi segui da tempo sai bene quanta fiducia ripongo nella qualità dei prodotti dōTERRA. Questo marchio si è da sempre impegnato in una vera e propria iniziativa sanitaria che promuove la combinazione di comportamenti salutari e cure adeguate. Come risultato di questo impegno, oggi, noi amanti dei rimedi naturali possiamo usufruire di un programma salutare dōTERRA chiamato Piramide dello stile di vita del benessere.

Scopriamo insieme di cosa si tratta.

DA UNA MEDICINA DI ATTESA A UNA SALUTE DI INIZIATIVA

La Piramide dello stile di vita del benessere dōTERRA propone un modello di comportamento e di cura del corpo che si articola su cinque livelli: avere cura di se stessi, ridurre il grado di tossicità accumulato dal nostro corpo, riposo e gestione dello stress, esercizio e alimentazione corretta.

Con un po’ di abitudine ti verrà facile integrarli nel tuo stile di vita e godere dei benefici che ti daranno. Seguo questo modello da molti anni e ormai è diventato un modo di vivere che mi fa stare e sentire in forma. Per questo motivo voglio condividerlo con te.

Cerchiamo di capire cosa va fatto durante ognuna delle cinque fasi.

I LIVELLO: avere cura di sé

Quando decidi di dedicarti alla cura della tua salute è bene distinguere le problematiche per le quali è necessario l’aiuto di un medico e quelle sulle quali puoi intervenire da solo con rimedi naturali.

In quest’ultimo caso il ricorso agli oli essenziali è una delle soluzioni più efficaci a sostegno del corretto funzionamento di tutti i sistemi del corpo e delle sue funzionalità.

Ricorda sempre, inoltre, che la cura di noi stessi è migliore in un’ottica proattiva. Mi spiego meglio. Intervenire su di noi solo per rimediare situazioni di malessere che già si sono manifestate può andar bene per malattie e problematiche gravi, non prevedibili. Esistono, però, una serie di disturbi legati esclusivamente a uno stile di vita poco regolare che potresti anche risparmiarti. In fondo c’è un detto vecchio come il mondo che lo insegna: prevenire è meglio che curare!

Essere proattivo, in fin dei conti, significa tenersi informati e impegnarsi a mettere in pratica le giuste misure preventive per uno stile di vita sano e salutare.

Ricorrere anche agli oli essenziali migliora i risultati di questa scelta. Ogni olio possiede delle potenzialità specifiche capaci di alleviare una gamma molto vasta di fastidi o di soddisfare molte necessità della persona in tutti i suoi aspetti vitali. 

II LIVELLO: ridurre il carico di tossicità

Sapevi che il nostro corpo è spesso gravato da un “carico tossico” che lo danneggia nelle sue funzioni? Ebbene sì! I fattori che determinano questa condizione sono tanti e provengono da ambiti diversi ed è necessario proteggersi.

Le tossine che si accumulano nel nostro corpo in particolari momenti, infatti, provengono dall’ambiente, dai prodotti chimici, dalle radiazioni e da molti altri fenomeni di cui non siamo neppure a conoscenza. Le sostanze chimiche che le compongono stressano l’organismo e le difese che questo deve mettere in campo per tutelarsi sono tante e complesse. A risentirne di più, poi, sono i polmoni, il tratto digestivo e la pelle. Questo perché le tossine sono presenti nei cibi, nell’aria e nelle cose che tocchiamo o che vengono assorbite dall’epidermide. Ti stai chiedendo se una protezione dal carico tossico è possibile? Assolutamente sì. Il rimedio più efficace, infatti, arriva da uno stile di vita consapevole e salutare. Le azioni più importanti da compiere sono:

  • riduzione di esposizione a sostanze chimiche e radiazioni (almeno nella misura possibile);
  • scelta di una dieta alimentare completa;
  • pulizia regolare del corpo e della pelle;
  • utilizzo di prodotti domestici a composizione naturale.

Gli oli essenziali sono perfetti sostituti dei tradizionali prodotti usati per le pulizie o per il corpo dall’alta composizione chimica. Con gli oli potrai prenderti cura di te e degli spazi in cui vivi in modo naturale ed ecologico.

III LIVELLO: riposo e gestione dello stress

Ciascuno di noi, in alcuni momenti del quotidiano, deve confrontarsi con quella cosa noiosissima che chiamiamo stress. Non è certo piacevole, a volte è inevitabile che sia così perché abbiamo troppe cose da fare, ma possiamo di certo combatterlo con uno stile di vita più regolare. L’azione fondamentale da compiere per contrastarlo è piacevole perché si riferisce al sonno.

Chi non sente il bisogno di dormire bene e a sufficienza per recuperare le energie? Il benessere generale di una persona dipende principalmente dalla quantità e dalla qualità del riposo notturno. Anche la scienza ha dimostrato che questi due fattori sono fondamentali nella lotta allo stress e nel raggiungimento di una migliore e costante condizione delle funzioni vitali. Quando si dorme bene tutti i sistemi corporei ne guadagnano e l’influenza positiva si riscontra anche sull’alimentazione e sull’esercizio fisico.

Se desideri una salute ottimale, in poche parole, regola le tue ore di sonno e fai in modo che questo sia il più possibile sereno. So bene che non è sempre possibile, ma esercitarsi a fare in modo che diventi un’abitudine è un ottimo modo per darsi una mano. Gli oli essenziali sono un aiuto importante per preparare il corpo al riposo. Diffonderli nell’aria prima di andare a letto stimola il fisico a prepararsi a dormire per recuperare e mantenere la vitalità di cui ha bisogno durante il giorno. 

IV LIVELLO: esercizio

Quanto è vero che una sana attività fisica dovrebbe fare parte della nostra routine quotidiana? Tanto!

L’esercizio del corpo non solo allunga la vita ma ne migliora la qualità. È un’attività che coinvolge tutti i sistemi (cardiovascolare, muscolare, scheletrico) e anche la salute mentale. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) è molto chiara a riguardo: ogni adulto dovrebbe esercitarsi per almeno 600 minuti metabolici (MET) a settimana. Questa metrica misura, combinando il tempo e l’intensità della pratica sportiva, il dispendio complessivo di energia dell’organismo. Per comprendere meglio a cosa si riferisce la quantità di MET citata, basta paragonarli a 150 minuti di camminata veloce settimanale. Io sono, comunque, d’accordo con le ricerche scientifiche più recenti che suggeriscono di incrementare oltremodo l’attività fisica: l’effetto di benessere ne risulta prolungato.

Ognuno può scegliere l’attività che più si avvicina alle sue esigenze e con l’aiuto di un esperto trovare la sua condizione di esercizio ottimale. Anche in questo caso gli oli essenziali sono un valido aiuto. Basta, per esempio, versare poche gocce di olio essenziale di Menta Piperita nei palmi delle mani e strofinarli, inalare a fondo e iniziare il proprio allenamento. L’effetto dell’olio inspirato ti darà una spinta energizzante a supporto di un buon allenamento giornaliero.

V LIVELLO: mangiare correttamente

Il cibo non è solo un elemento di piacere. È il carburante del nostro corpo, ciò che ci permette di vivere, di avere le energie necessarie a svolgere ogni funzione vitale. Scegliere un’alimentazione sana è dunque fondamentale per la nostra salute, altrimenti la macchina/corpo si inceppa e poi sono guai!

Fornire all’organismo i macronutrienti essenziali – vitamine e minerali – è importante. Oggi, inoltre, la possibilità di informarsi è maggiore ed più facile comprendere come si fa a mangiare bene.

L’importanza di una dieta efficace è basata, innanzitutto, sulla sua varietà. Altrettanto fondamentale, però, è la qualità dei prodotti che mangiamo. Scegliere cibi e bevande il più naturali possibile è già il primo passo.

Ho l’abitudine di dividere la giornata alimentare in almeno tre pasti principali (colazione, pranzo e cena) più due spuntini (a metà mattina e a metà pomeriggio). Questo mi permette di suddividere in modo equilibrato l’apporto quotidiano di calorie e nutrienti al corpo. Anche in questo caso potresti rivolgerti a uno specialista dell’alimentazione per creare una dieta ad hoc sulla base delle tue esigenze.

Mangiando bene otterrai benefici su tutto, ridurrai lo stress e il carico tossico e sarai in grado di compiere al meglio il tuo esercizio fisico. Alcuni oli essenziali possono supportare il tuo benessere anche attraverso il cibo, aumentando le potenzialità di alcune pietanze. Per il loro uso orale, però, rivolgiti sempre al parere di un esperto.

Ecco tutto: cinque livelli di attività per uno stile di vita sano con effetti a lungo termine. Niente male, non pensi?

Sono suggerimenti che ormai conosciamo o di cui, in qualche modo, sappiamo parlare ma non sempre troviamo la forza per metterli in atto. La volontà, infatti, è la chiave di tutto. La natura ci dà il suo aiuto e noi dobbiamo metterci il nostro per vivere nel modo migliore ogni giorno. È nel nostro interesse e io spero di averti dato, con la Piramide dello stile di vita del benessere dōTERRA, uno strumento utile a stare bene.

Fammi sapere cosa ne pensi attraverso lo spazio commenti o contattami per chiarimenti o informazioni. Sarò felice di risponderti e di confrontarmi con te sulle tue esperienze. Buona pratica del benessere!

,

Migliora l’umore con l’olio essenziale di Lavanda

Le piante possiedono la capacità di aiutarci a regolare il nostro umore grazie ai loro oli essenziali. Quante volte ci capita di ritrovarci malinconici, preoccupati o tristi e di non riuscire a trovare rimedi veloci per riconquistare la serenità?

Immagino tante! La vita di ogni giorno, infatti, è veloce e imprevedibile, capace di disturbare notevolmente le nostre emozioni. Ricorrendo agli oli essenziali possiamo aiutarci a stare meglio e in modo del tutto naturale. Vediamo come.

Migliorare l’umore con gli oli essenziali

Il nostro corpo è capace di recepire alcuni stimoli positivi per migliorare il proprio stato di benessere. L’azione compiuta dai nostri organi di senso (soprattutto l’olfatto) è fondamentale in questo processo e soprattutto nel beneficio prodotto dagli oli essenziali. Capiamo il perché.

Immagino che anche tu avrai sperimentato più volte la sensazione di piacere che procura la fragranza di un fiore quando viene annusato o il profumo di una torta appena sfornata. Buoni, vero?

Gli esempi possono essere infiniti ma spiegano una verità comune: gli odori piacevoli hanno un effetto positivo su di noi. Ti starai adesso chiedendo cosa c’entrano gli oli essenziali con questa storia e quindi mi chiarisco subito.

Le essenze profumate estratte dalle piante in modo naturale (sotto forma di olio) posseggono delle fragranze molto forti e buone. Queste agiscono direttamente sul nostro sistema endocrino grazie all’olfatto e da qui passano al sistema limbico che li trasforma in risposte ormonali responsabili delle emozioni.

La purezza degli oli

Per essere davvero efficaci è importante che gli oli essenziali utilizzati siano puri. Le impurità, infatti, riscontrate in alcuni prodotti facilmente acquistabili nella grande distribuzione, riducono le potenzialità benefiche di queste sostanze e non producono gli effetti desiderati.

Scegliere un marchio garantito è la soluzione migliore e sulla base della mia esperienza ti propongo l’eccellente linea di prodotti dōTERRA: ogni suo oli essenziale viene sottoposto a una serie di test scientifici che ne verificano la purezza prima che venga venduto. Io l’ho scelta da anni e non mi ha mai delusa. Scopriamo, allora, cosa propone dōTERRA per ritrovare la pace e la calma interiore dopo un periodo o una giornata difficile.

QUALE OLIO ESSENZIALE SCEGLIERE PER MIGLIORARE L’UMORE

L’olio essenziale più adatto a ritrovare equilibrio emotivo e migliorare l’umore è quello estratto dalla pianta di lavanda.

L’olio dōTERRA alla Lavanda ha una fragranza calmante e rinnovatrice che aiuta ad allontanarsi dalle emozioni negative e dai pensieri pesanti concedendo un po’ di pace.

L’esperienza che garantisce è unica, soprattutto se viene usato prima di andare a dormire.

Come fare?

Se quello di cui hai bisogno è un aiuto per affrontare meglio la giornata in modo rilassato e propositivo, basta applicare una o due gocce di olio essenziale alla Lavanda sulle mani e inalarlo per tutto il giorno: le fragranze agiranno automaticamente stimolando in modo positivo i tuoi sensi.

Se, invece, vuoi godere di un sonno tranquillo e alleggerito dalle preoccupazioni, diffondi tutta la notte l’olio nell’ambiente. Puoi aiutarti con il diffusore dōTERRA Petal.

Crea a casa la miscela di Pace

Quando cominci a sentirti sopraffatto da sensazioni che ti appesantiscono emotivamente concediti un aiuto naturale come questo e riconquista la pace. Aggiungendo altri oli essenziali, inoltre, puoi creare una miscela di Pace alla Lavanda capace di amplificarne gli effetti. Ecco quali ti suggerisco:

  • olio essenziale di Cedro;
  • olio essenziale Ho Wood;
  • olio essenziale di Vetiver.

L’aroma che questi oli miscelati insieme diffondono nell’aria è incredibilmente capace di generare un ambiente rilassante e una sensazione di distacco completo dal ritmo veloce e faticoso della quotidianità.

La miscela di Pace alla Lavanda si utilizza facilmente inserendo da tre a quattro gocce nel diffusore per ambienti. Quando la diffusione è già a buon punto, accomodati su un divano o una sedia e chiudi gli occhi provando a svuotare la mente da tutti i pensieri accumulati durante la giornata o in un periodo molto difficile. Grazie alla respirazione potrai raggiungere facilmente uno stato di serenità emotiva utile e appagante.

Ma la miscela di Pace alla Lavanda è ideale anche se aggiunta all’acqua di una vasca da bagno. Il procedimento di preparazione è molto semplice: basta frizionare due o tre gocce della miscela nell’acqua (scegli tu la temperatura che preferisci) e unire i sali. Quando anche questi ultimi saranno sciolti, immergiti e rilassati, godendo gli effetti di questa piacevole esperienza.

Che ne pensi?

Vale la pena o no di provare una soluzione così semplice eppure produttiva per il tuo benessere? Secondo me sì. Ti assicuro personalmente che funziona e che i prodotti dōTERRA sono una garanzia di alta qualità su tutto il mercato.

Inoltre, se non hai il tempo di dedicarti queste attenzioni nella serenità della tua casa perché sei sempre in giro e di corsa, vorrei suggerirti un rimedio simpatico da portare sempre con te: un ciondolo di argilla. Puoi comprarlo o costruirlo tu stesso e personalizzarlo. Aggiungi al ciondolo qualche goccia di olio essenziale e annusalo di tanto in tanto, portandolo al collo per l’intera giornata. Le tue emozioni verranno bilanciate, particolarmente nei momenti di maggiore tensione.

ALTRI OLI PER IL BUONUMORE

La miscela di Pace alla Lavanda dōTERRA, oltre agli oli tradizionali che la compongono, può essere diffusa abbinandola agli oli essenziali di altre piante come il Lime, il Tea Tree, il Citrus Bliss® e la Menta.

Precauzioni

Gli oli essenziali sono sostanze molto forti. Se assunte senza la consulenza di un esperto o in dosi eccessive possono creare irritazioni e altri fastidi.

È sempre bene tenerli lontani dalla portata autonoma dei bambini e consultare un medico prima del loro uso. Fai particolare attenzione, inoltre, se ti trovi in stato di gravidanza.

Per chiarimenti o consigli non esitare a contattarmi tramite la pagina CONTATTI di questo sito o scrivendomi un post nel format che trovi alla fine di questo articolo.

La vita a volte può essere complicata ed è normale non riuscire a reggere serenamente il peso di tutto, ma è dalla stessa vita naturale di questo pianeta che possiamo trovare un rimedio, un aiuto per ritrovare la pace.

Quando sei sereno, le cose vanno meglio. Non lo dico mica io, eh! Sto citando il Dalai Lama: “È lo stato d’animo, più che gli avvenimenti esterni, che determina la fortuna.” 

Spero di esserti stata utile e di sapere come è andata la tua esperienza. Ti auguro pensieri leggeri e soprattutto, fai bei sogni.

,

Oli Essenziali e massaggi: intervista a Francesco Lentini, massaggiatore

L’incontro con Francesco Lentini è stato illuminante: mi ha aiutata ad approfondire la mia conoscenza sull’uso degli oli essenziali durante un massaggio. Desidero condividerla con voi iniziando da questa breve intervista. 

Francesco, come prima domanda, che oli hai usato da quando ti sei alzato stamattina?

Ho versato in acqua tiepida due gocce di olio essenziale di Limone e ho iniziato a purificare il mio corpo bevendo. Dopo una buona colazione e una doccia rigenerante ho applicato Balance sotto la pianta del piede. Per i denti ho usato, come sempre, il dentifricio senza fluoro dōTERRA On Guard e ho versato due gocce di miscela protettiva dōTERRA On Guard sotto la lingua. Dopo aver applicato della crema viso e una goccia di olio di Incenso ho continuato con un olio emozionale (lo scelgo in base al tipo di giornata da affrontare), spalmandolo sui punti di pulsazione del polso. Ed è iniziata la mia giornata!

Raccontami, adesso, di cosa ti occupi.

Sono un massaggiatore del benessere specializzato in tecniche olistiche manuali. Aiuto chi ha bisogno di mantenere o ritrovare il benessere fisico e psicofisico, nonché chi desidera condurre uno stile di vita più̀ sano.

Usavi gli oli essenziali nel tuo lavoro e nella tua vita prima di conoscere dōTERRA?

Mi sarebbe piaciuto tanto ma purtroppo non avevo mai trovato un brand serio, un’azienda in grado di garantirmi certi parametri di purezza e grado terapeutico. Quindi, non sapendo cosa c’era di preciso all’interno degli oli (ad esempio varie adulterazioni), non mi sono mai fidato e non ho usato l’aromaterapia a livello lavorativo.

Che differenza hai notato usando dōTERRA sia con i tuoi clienti che con te stesso?

Ho trovato finalmente un’azienda etica e professionale che mi dà garanzie, esegue degli studi scientifici e mette a disposizione tutti i risultati di tipo chimico-fisico e biologico ottenuti. Garanzie, test e certificazioni, mi danno la certezza di cosa ci sia all’interno degli oli: so che sono privi di qualsiasi tipo di adulterazione che potrebbe causare problemi a chi li usa.
dōTERRA per me è ormai fondamentale. Ha migliorato la qualità̀ del mio lavoro di massaggiatore e ancora oggi grazie all’uso degli oli ottengo risultati sorprendenti.

Come usi dōTERRA nel tuo lavoro?

Dopo una breve anamnesi del cliente, in base alle sue esigenze e al tipo di massaggio olistico richiesto, creo la miscela adatta per aumentare l’efficacia del trattamento stesso.

Quali sono i disturbi più frequenti che ti trovi a dover affrontare con i tuoi clienti?

Rigidità muscolare di ogni tipo, disturbi psicosomatici da stress.

Quali oli essenziali usi per questo problema e quali sono i risultati?

Per la rigidità muscolare uso:

  • Miscela miorilassante Deep Blue;
  • Oli essenziali Peppermint (Menta Piperita), Maggiorana, Wintergreen, Frankincense (Incenso), Copaiba, Arborvitae, Cedarwood (Cedro rosso della Virginia).

Gli oli che posso sfruttare sono diversi e i risultati si notano soprattutto per la riduzione delle sedute necessarie a raggiungere il risultato pattuito. Il cliente è soddisfatto per il risparmio di tempo e soldi, io lo sono altrettanto perché ricevo gratificazione e pubblicità positiva.

Grazie per il tuo contributo, Francesco. Dove puoi essere contattato?

Grazie a te Claudia. Ecco i miei contatti:

Pagina Facebook: @lentinifrancescomassaggiatore
Telefono e WhatsApp: 3450827918

Commenta questo post se vuoi approfondire l’argomento o fare delle domande. In alternativa scrivici in privato attraverso la pagina CONTATTI.

,

Ansia nei bambini. Come confortarli con gli oli essenziali. 

I bambini di questa epoca affrontano giornate piene di impegni e attività che richiedono loro un importante sforzo fisico e mentale. Dovrebbe stupire poco vederli spesso preoccupati o in preda all’ansia per la scuola, lo sport o per le relazioni sociali. Perché diciamoci la verità: la società in cui viviamo è molto veloce e i suoi tempi non sono a misura di bambino!

Questa consapevolezza mi preoccupa e mi fa sentire il peso della responsabilità che noi adulti abbiamo sulle nuove generazioni. Grazie agli oli essenziali è possibile offrire ai più piccoli il conforto di cui hanno bisogno per ritrovare la serenità. In che modo? Scopriamolo insieme.

Ansia nei bambini: gli oli essenziali hanno un effetto rilassante.

Se stai continuando a leggere il mio articolo, probabilmente, è perché la possibilità di aiutare i bimbi senza ricorrere a soluzioni invasive è la decisione che ritieni più giusta. Come non condividerla? Li uso da anni e posso confermarti che è una scelta che funziona, biologicamente provata. Vediamo perché.

Cosa sono gli oli essenziali e come agiscono nel corpo

Gli oli essenziali si ottengono dalle piante (o da parte di esse come i petali, lo stelo, le radici…) attraverso la spremitura a freddo o la distillazione con acqua e vapore.

Le loro proprietà rilassanti agiscono direttamente sul cervello e di conseguenza sulle emozioni. Perché questo avvenga basta inalare le loro essenze o lasciarle assorbire dalla pelle. Così facendo gli oli essenziali raggiungono il sangue e vengono trasportati fino al sistema limbico del cervello, la parte collegata alla risposta emotiva. Durante il loro viaggio gli oli raggiungono anche diverse ghiandole e altre zone del corpo, direttamente responsabili della diffusa sensazione di benessere psico-fisico.

Sui bambini, come sugli adulti, gli effetti positivi sono immediati. E c’è un altro vantaggio: le fragranze sono così buone che i piccoli accolgono l’uso degli oli con piacere e senza resistenza. Se scegliete essenze agli agrumi, poi, il successo è assicurato perché sono le loro preferite (ve lo confermo per esperienza personale).

Ogni olio essenziale ha delle proprietà specifiche. Scopriamo insieme quali sono i più adatti a calmare il bambino che manifesta segni di ansia e stress.

QUALI OLI ESSENZIALI SCEGLIERE

Ho anticipato che gli oli preferiti dai bambini sono spesso quelli agli agrumi (Mandarino, Arancio dolce e Limone). Questi ultimi, però, non sono gli unici ad avere effetti benefici sul loro stato di stress. Tra gli oli migliori suggerisco i seguenti:

  • Camomilla romana
  • Melissa
  • Lavanda

A questo punto ti starai chiedendo come utilizzarli. È così? Passiamo al paragrafo successivo in cui ho pensato di darti indicazioni sui tre metodi più efficaci per permettere al bambino un’esperienza di autentico relax (conforme alla sua età e approvata dal medico curante). Conosciamoli insieme.

3 MODI PER FAR USARE GLI OLI ESSENZIALI AI PIÙ PICCOLI

1 – Il metodo più diffuso di utilizzo degli oli essenziali è l’aromaterapia. Questa tecnica è comoda per tutte le età ma molto utile quando desideriamo aiutare i più piccoli. Grazie ad uno specifico diffusore per ambienti è possibile rilasciare nell’aria le fragranze dell’olio scelto e permettere al bambino di assorbirle semplicemente respirando. I benefici arrivano presto senza alcuno sforzo.

I diffusori elettrici sono di diversa tipologia ma preferisco consigliarti quello elettrico per l’uso destinato ai bambini. Tra tutti, infatti, è l’unico dotato di un dispositivo di sicurezza che evita il rischio di ustioni o combustione degli oli. Il diffusore elettrico è composto da una base inferiore, che contiene il motore per la diffusione dell’essenza, e dal contenitore dell’acqua. Per farlo funzionare basta aggiungere poche gocce di olio essenziale all’acqua e accendere il dispositivo. Le essenze e il profumo saranno dispersi nell’aria.

2 – Per i più piccoli è particolarmente indicato anche un altro metodo: il bagno aromatico. Per la preparazione del bagnetto basta versare in una tazza un cucchiaio di olio di Mandorla vegetale (o di Cocco frazionato) e aggiungere solo una goccia di olio essenziale di Camomilla più una di Lavanda. Dopo averli mescolati bene insieme puoi versare il contenuto della tazza nell’acqua e frizionarla un po’. A questo punto il bagnetto è pronto. Ti ricordo, però, che le gocce di olio essenziale non vanno mai versate direttamente nell’acqua. La diversa densità non permette ai due liquidi di sciogliersi ed entrando a contatto con la pelle del bambino potrebbero irritarla.

Quantità di olio nel bagno aromatico

Prima dei 3 mesi, esclusivamente una goccia di olio essenziale di Lavanda. Dopo i 3 mesi, si possono utilizzare anche altri oli nelle quantità che adesso vi suggerisco:

  • 1-2 gocce dai 3 ai 12 mesi;
  • 2-4 gocce fino ai 3 anni;
  • 4-6 gocce fino ai 5 anni;
  • 4-8 gocce fino ai 12 anni;
  • 8-10 gocce fino ai 14 anni.

3 – L’ultima modalità di utilizzo degli oli essenziali per bambini è quella topica. Vanno applicati principalmente sulla pianta dei piedi e sui polsi con piccoli massaggi. Consiglio, come quantità ideale, di aggiungere da 2 a 4 gocce in 30 ml olio di Mandorla (o di Cocco frazionato). L’applicazione va eseguita 2 volte a settimana o quando serve. Ricorda che l’olio non va mai messo direttamente sulla pelle del bambino perché è altamente irritante.

E con questo ultimo metodo concludiamo. Facile, no?

Per qualsiasi informazione o per condividere la tua esperienza di uso degli oli essenziali rilassanti per bimbi, lascia pure un commento o scrivimi attraverso la pagina Contatti di questo sito. Sarò felice di risponderti e di confrontarmi con te sulle nostre esperienze.

Che dirti oltre? Spero che nel modo più naturale possibile i tuoi figli, o i bambini di cui ti prendi cura, possano trovare un modo per rilassarsi, sconfiggere l’ansia e sperimentare la leggerezza dell’infanzia che questo tempo materiale tiene spesso sotto scacco.

,

Naturopatia ed oli essenziali

Ayito N’guema è naturopata, consulente dōTERRA e insegnante di yoga vinyasa. È nata e vive in Francia ma esegue consulenze e workshop anche in Italia, tramite Skype o Zoom. Oggi ci racconta come naturopatia ed oli essenziali l’hanno aiutata a ritrovare una salute di fuoco.

Ciao Ayito e benvenuta ufficialmente nel team Esperti di Oli&Aromi.
Puoi spiegare ai nostri lettori cos’è la naturopatia?

È l’arte di favorire l’autoguarigione del corpo usando dei metodi naturali (Pierre-Valentin Marchesseau è il fondatore della naturopatia contemporanea). Si parte dal presupposto per il quale il nostro corpo è una meravigliosa macchina in grado di ritrovare equilibrio grazie all’energia vitale che la anima. I metodi naturali che usiamo in naturopatia hanno l’obiettivo di mantenere, proteggere e potenziare il livello di energia vitale che è dentro ognuno di noi. Questo ci permette di migliorare il nostro “terreno biologico” e rinforzare le difese immunitarie.

Qual è il ruolo di un naturopata?

Non pretende assolutamente di essere un medico, per cui non esegue diagnosi né prescrive terapie basate sull’uso di prodotti chimici. Il naturopata insegna, piuttosto, a comprendere il funzionamento e i bisogni del nostro corpo basandosi su un approccio olistico.
L’origine degli squilibri va ricercata analizzando noi stessi su più livelli: fisico, emozionale e mentale.
Per aiutare l’organismo a ritrovare equilibrio, sollecitando e liberando l’energia vitale, il naturopata invita i suoi assistiti a migliorare lo stile di vita agendo su 4 livelli:

  1. Alimentazione sana;
  2. Esercizio fisico eseguito con regolarità;
  3. Eliminazione delle tossine;
  4. Gestione dello stress quotidiano.

In quel senso la naturopatia è molto simile allo stile di vita promosso da dōTERRA: prevenire lo sviluppo di malattie migliorando il terreno biologico. La naturopatia si propone di dare la possibilità ad ognuno di noi di essere autonomo e responsabile nel mantenere sana la propria salute.

Hai parlato di metodi naturali. Quali sono?

Ne usiamo 10, tutti forniti da Madre Natura:

  • il cibo organico, fresco, locale, di stagione;
  • l’acqua (tisane, bagni, borse dell’acqua calda…);
  • il movimento (esercizio fisico);
  • le idee sane e positive (psicologia);
  • le piante (oli essenziali, tisane, gemmoterapia…);
  • le tecniche manuali (osteopatia, fisioterapia, massaggi);
  • i riflessi (agopuntura, riflessologia…);
  • i fluidi (magnetismo);
  • le radiazioni (sole, luna, colori…);
  • l’aria.

Gli oli essenziali dōTERRA, grazie alla loro qualità e alla facilità d’uso, sono molto utili nel quotidiano. Non abbiamo – o meglio, non riusciamo sempre a trovare – il tempo di cucinare cibo sano, fare 1 ora di esercizio fisico all’aria aperta ogni giorno, meditare 20 minuti la mattina, o mettere una borsa dell’acqua calda sul fegato dopo ogni pasto.
Durante le nostre intense giornate gli oli essenziali di alta qualità terapeutica dōTERRA possono essere di grande aiuto per sostenere i sistemi dell’organismo.

Cosa ha cambiato la naturopatia nella tua vita?

Tante cose! Ho sofferto per diverse malattie, disordini o dolori dall’adolescenza in poi: ciclo pesante e dolorosissimo, acne, ipertiroidismo (Grave’s Disease), fibromi all’utero, lungo periodo di infertilità. I medici tradizionali mi hanno aiutata a calmare i dolori, a nascondere l’acne, a mantenere la mia tiroide sotto controllo, ed infine a togliere i fibromi all’utero.
L’hanno fatto con l’uso pesante e sfrenato di farmaci classici che hanno affaticato il mio fegato. Ero insoddisfatta delle soluzioni proposte (infatti mi sono sempre rifiutata di far asportare la mia tiroide e di compensarne la mancanza attraverso l’uso di farmaci).
Soprattutto restavo frustrata per la mancanza di risposte alle domande che sottoponevo ai medici: «Ma si può capire perché mi è venuto questo disordine? E se cambiassi qualcosa nella mia alimentazione, potrei migliorare?». Nessuno dei dottori con cui mi relazionavo allora poteva rispondermi. Anzi, per loro non c’era nessun collegamento tra ciò che mangiavo e i miei disordini.

Ho sempre avuto l’intuizione, però, che potevo curarmi in modo diverso, più naturale. E infatti la naturopatia ha risposto a tutte le domande che mi ponevo da anni. Oggi posso dire di aver ritrovato un equilibrio grazie a semplici, piccoli cambiamenti attuati nella mia vita quotidiana: che hanno avuto un grande effetto sul mio stato di salute generale.
I risultati sono stati eccellenti: eliminata l’endometriosi, debellata l’infertilità (sono mamma di due bellissime bimbe), battuto l’ipertiroidismo.

L’equilibrio può, ovviamente, essere instabile e i disordini o le malattie possono sempre tornare. Ho imparato, però, a sentire e riconoscere i segni inviati dal mio corpo e a sopperire ai suoi bisogni (buon cibo, riposo, gioia, relax, esercizio fisico). Ho una grande fiducia nelle capacità del mio corpo e della mia energia vitale: sono in grado di mantenermi in buona salute se li rispetto. Basta seguire qualche regola di vita molto semplice! 

Come hai integrato gli oli nel tuo quotidiano?

Li uso e li consiglio innanzitutto in supporto alle cure naturopatiche classiche.

LA CURA DETOX

Senza dieta, no detox! Inizio tutte le mie giornate con una tazza d’acqua tiepida a cui aggiungo ogni tanto una goccia di olio essenziale di limone per pulire l’intestino. Unendo, poi, limone, menta piperita e pompelmo, riesco a non cedere alla tentazione della cioccolata a fine pomeriggio… Questa miscela di oli è perfetta per sostenere l’attività del fegato.

Gli oli, inoltre, sono in grado di supportare i nostri organi filtri – anche detti emuntori – ad eliminare il più possibile le tossine liberate nel corso della dieta. Per pulire l’intestino, ad esempio, uso anche la menta piperita, il limone o la miscela ZenGest contro la costipazione. Per un’azione più globale su tutti e quattro gli emuntori, infine, consiglio la miscela Zendocrine.

Last but not least, una detox ha molte più chance di successo se siamo rilassati e riposati. Gli oli hanno un grande potere nel creare emozioni positive. Aggiungo quindi i miei oli preferiti a un bagno caldo, o mi faccio fare un massaggio ai piedi prima di dormire. Le mie preferenze per il riposo e il relax sono Whisper e Serenity.

LA CURA RIVITALIZZANTE (per dare al corpo i nutrienti giusti)

Inizia subito dopo la cura detox e dura il doppio del tempo della precedente.
Faccio un esempio: per 1 giorno di detox, dobbiamo seguire almeno 2 giorni di rivitalizzazione. Perché? La detox provoca delle carenze da colmare con una corretta alimentazione e integratori alimentari naturali, se serve. In questo caso consiglio sempre il Lifelong Vitality Pack di dōTERRA.

Che consigli puoi dare ai nostri lettori?

Non ci sono consigli validi per tutti. Ogni persona è unica, ha un terreno biologico unico, che richiede un’attenzione ed un sostegno unici.

Consiglierei quindi di rimanere all’ascolto del proprio corpo, di fidarsi delle proprie intuizioni e di non esitare a consultare un naturopata o un consigliere olistico (medicina cinese, ayurveda), se ci si sente spossati senza motivo da un po’ di tempo.

Grazie Ayito per il tempo che ci hai dedicato. Possiamo lasciare i tuoi contatti?

Certamente. Per consulenze relative al bilanciamento della vitalità a distanza e all’organizzazione di un corso d’iniziazione alla naturopatia, nonché e all’uso degli oli essenziali, sono disponibile ai seguenti contatti:


mail: [email protected]

WhatsApp : + 33 7 82 87 04 86

, ,

Olio per massaggio rilassante. Quali usare e benefici dati dagli oli essenziali puri

Trovare sollievo dallo stress quotidiano è una pratica che dovremmo fare nostra con impegno. E un buon massaggio può essere la soluzione giusta, oltre che piacevole, a questa esigenza.

Oggi desidero condividere con te alcune informazioni utili ad amplificare gli effetti benefici di una pratica antica ma sempre attuale. Vuoi sapere come fare? La risposta puoi trovarla nelle proprietà degli oli essenziali.

Massaggiare il corpo introducendo l’uso di questi estratti, infatti, accelera il rilassamento e migliore le personali condizioni fisiche, psichiche ed emotive. Scopriamo insieme perché.

Perché gli oli essenziali migliorano il massaggio?

Oli essenziali e massaggio sono un binomio perfetto perché permettono al corpo di essere stimolato su più livelli sensoriali e non solo.

Ogni olio è ricavato dalle essenze di piante e fiori e porta con sé un profumo specifico che raggiunge la zona del cervello nella quale risiedono la memoria e gli istinti primordiali. I meccanismi neurologici che si innescano, quindi, sono di facile intuizione: euforia, rilassamento, fiducia in se stessi, desiderio sessuale e altro ancora.

Ogni olio essenziale, inoltre, ha delle caratteristiche specifiche capaci di stimolare aspetti particolari del nostro benessere e per questa ragione ad ogni massaggio va abbinato l’olio più adatto. La possibilità di scelta, di certo, non manca.

La linea di prodotti dōTERRA propone una vasta gamma di oli essenziali da utilizzare sul corpo per migliorare gli effetti del massaggio. È importante ricordare di diluire le gocce essenziali in un olio vettore come l’olio di Cocco frazionato dōTERRA: eviterai possibili arrossamenti e infiammazioni della pelle. Lasciati aiutare da un esperto a scegliere l’olio giusto.

Quali oli essenziali scegliere per un massaggio rilassante?

La scelta degli oli essenziali più adatti al tuo scopo è un passaggio fondamentale. Per ottenere effetti rilassanti e riequilibranti suggerisco sempre gli aromi floreali. Sono profumi delicati che sembrano avvolgere e accarezzare chi li usa. Come quando annusi un fiore e ti scappa un sorriso. Ecco, parte tutto da lì, sei d’accordo con me?

Scopriamo insieme alcuni oli e miscele della linea dōTERRA perfettamente abbinabili ai massaggi:

  • Rosa damascena

Rosa damascena è una miscela dall’aroma dolce che produce grandi effetti rigeneranti a livello fisico ed emotivo. Questo olio è particolarmente amato dalle donne sia per l’aroma che per gli effetti rigeneranti e anti-età che produce sulla pelle di viso e corpo. Sebbene sia sconsigliato durante la gravidanza, è molto indicato per contrastare ansia e depressione, nonché per stimolare il desiderio sessuale.

  • Ylang-ylang

L’olio essenziale di Ylang-Ylang è inebriante, vellutato e rasserenante, ed è considerato l’olio più afrodisiaco. I suoi effetti rigeneranti e curativi si manifestano anche a livello epidermico perché svolge un’azione equilibrante e antibatterica sull’iperproduzione sebacea. È, inoltre, un ottimo olio anticellulite e aiuta a stimolare la circolazione sanguigna. Va ricordato che se massaggiato sulla cute stimola la crescita dei capelli e li rafforza.

  • Rosmarino

L’olio essenziale di Rosmarino è molto utilizzato nei massaggi perché è capace di lenire e sciogliere le tensioni. Si mostra anche efficace nell’azione purificante e detossicante del corpo. È un olio molto rasserenante a livello mentale e, se applicato sulla cute, svolge la funzione di rinforzo del cuoio capelluto e di contrasto alla forfora e al prurito.

  • Lavanda

L’estratto di Lavanda è uno degli oli più rilassanti e apprezzati (piace molto sia agli uomini che alle donne). Utilizzarlo nei massaggi aiuta a conquistare una sensazione di calma e serenità e i suoi benefici sono evidenti anche sulla pelle. Efficace contro la caduta dei capelli e l’acne, la sua azione distensiva è preziosa per alleviare le tensioni muscolari attraverso dei massaggi decontratturanti

  • Camomilla

L’olio essenziale di Camomilla è caratterizzato da un profumo floreale e fruttato che lo rende rassicurante. È impiegato in più settori grazie alle sue proprietà calmanti e leggermente sedative. È particolarmente utile anche in ambito sportivo: aiuta a ridurre la tensione generata dai crampi muscolari. L’effetto rilassante di questo olio viene sfruttato anche per contrastare la depressione e lenire i dolori mestruali.

  • Limone

Il Limone è uno degli oli più richiesti perché possiede svariate proprietà. I suoi effetti riequilibranti e rasserenanti permettono di raggiungere facilmente uno stato di buonumore e allegra serenità. È un valido rimedio contro mal di testa e impurità della pelle ed è particolarmente consigliato per i massaggi al cuoio capelluto, soprattutto per chi soffre di forfora o perdita dei capelli. Infine, dopo aver consultato il medico, molte donne in gravidanza lo usano per gestire la nausea.

  • Sandalo

Il Sandalo è un olio essenziale dal profumo aromatico molto gradevole sia per le donne che per gli uomini. La sua azione nei massaggi è particolarmente importante sia a livello circolatorio che antinfiammatorio e antisettico. Per le sue proprietà cosmetiche questo olio viene usato, inoltre, nei massaggi snellenti e in quelli miranti alla riduzione delle smagliature. Il Sandalo, infine, accentua la tonicità della pelle.

  • AromaTouch

La miscela di oli essenziali AromaTouch è stata progettate per favorire la funzionalità di tutti i sistemi del corpo. Il suo utilizzo nei massaggi dona al corpo e alla mente un senso di profonda distensione, fiducia e benessere. Aiutando il rilascio di stress e tossine, infatti, questa miscela supporta l’equilibrio emozionale.
dōTERRA ha programmato una specifica tecnica di massaggi da eseguire usando AromaTouch.

Si tratta di un metodo semplice ed efficace capace di:
– aiutare a gestire lo stress;
– sollevare le tensioni muscolari;
– sostenere il sistema immunitario e l’equilibrio del sistema nervoso autonomo.

  • Deep Blue

dōTERRA Deep Blue è la miscela perfetta per un massaggio rilassante dopo lo stress di una lunga giornata di impegni e lavoro. Per migliorare i suoi effetti ancor prima di un massaggio sul corpo, basta sfregare poche gocce su dita, polsi, spalle e collo. Esegui il trattamento versando alcune gocce di questa miscela (diluita in olio vettore): otterrai un effetto rinfrescante e confortante. Deep Blue è la miscela giusta per conferire al corpo un senso di freschezza e lenire disturbi e dolori.

Come hai visto la scelta è vasta. Ciò ti permette di abbinare al tuo massaggio l’olio più adatto a raggiungere il tipo di benessere che desideri. Non vedi l’ora di provare un massaggio eseguito olio essenziali, è vero? Ti capisco! Io li pratico da anni e non posso più farne a meno.

E poi, come diceva il buon Platone:

Non muovere mai l’anima senza il corpo, né il corpo senza l’anima, affinché difendendosi l’uno con l’altra, mantengano il loro equilibrio e la loro salute.

Che altro aggiungere, allora, se non augurarti un buon relax col tuo massaggio agli oli essenziali. Se ti fa piacere lascia pure un commento alla fine della pagina o scrivimi in privato tramite la pagina Contatti.

,

Oli essenziali e massaggi sportivi

Sappiamo tutti che il massaggio è un’arte antica e diffusa ovunque nel mondo per alleviare i dolori e ridurre le contrazioni della muscolatura dopo uno sforzo fisico. Il beneficio che produce è ampiamente riconosciuto ed è un rimedio non invasivo per alleviare la fatica. Oli essenziali e massaggi sportivi sono un binomio vincente, scopriamo perché.

Il massaggio viene praticato spesso da chi svolge attività fisica sottoponendo i muscoli a sforzi continui. Ma esiste un ulteriore modo di amplificare i benefici di questa tecnica sul corpo di uno sportivo.  Il segreto sta nell’abbinare ogni massaggio all’uso di oli essenziali.

Perché usare gli oli essenziali nei massaggi

Gli oli accelerano e amplificano gli effetti del massaggio donando al corpo una sensazione di piacere. Oltre ad alleviare la tensione, infatti, il loro effetto combinato svolge altre funzioni:

  • migliora la circolazione sanguigna nelle aree massaggiate;
  • elimina le cellule morte dalla pelle;
  • potenzia la flessibilità dei muscoli;
  • riduce il dolore fisico e aumenta le difese immunitarie stimolando il sistema limbico;
  • favorisce il rilascio delle tossine accumulate dal corpo.

Scopriamo insieme quali altri vantaggi si possono ottenere ricorrendo a questa pratica durante la nostra attività sportiva.

Dopo l’allenamento

I benefici di un massaggio eseguito con oli essenziali nello sport hanno un valore aggiunto perché non interessano solo la fase successiva allo sforzo. Questo tipo di massoterapia praticata dagli sportivi (o dagli atleti professionisti) è ideale anche nella fase preparatoria ad un allenamento o gara e nella fase intermedia di queste attività (se chi si sta allenando/gareggiando ne sente il bisogno).

Il massaggio con oli essenziali aiuta uno sportivo a:

  • ridurre il rischio di infortunio muscolare;
  • migliorare il drenaggio delle tossine prodotto dallo sforzo;
  • velocizzare i tempi di recupero;
  • ossigenare i tessuti;
  • preparare i muscoli agli allenamenti e alle gare successive.

La linea di oli essenziali dōTERRA propone una serie di oli particolarmente utili nei massaggi sportivi. Scopriamoli insieme:

Maggiorana

L’olio essenziale dōTERRA di Maggiorana è utilizzato nei massaggi per le sue proprietà antidolorifche. Aiuta, inoltre, a ridurre i crampi (soprattutto nella zona addominale) e dà sollievo per i disturbi di tipo reumatico.

Le sue proprietà hanno anche effetti rilassanti, oltre che tonici e riscaldanti.

Aromatouch

La miscela dōTERRA Aromatouch è particolarmente indicata per favorire il rilassamento e  diminuire la tensione muscolare. Ottima per i massaggi nella zona del collo e delle spalle.

Contiene gli oli essenziali di Cipresso, Menta Piperita, Maggiorana, Basilico, Pompelmo e Lavanda ed è studiata per calmare la tensione dei muscoli. Offre, al contempo, una piacevole esperienza aromatica.

Wintergreen

Grazie all’olio essenziale Wintergreen dōTERRA è possibile regalare al corpo un effetto riscaldante e rilassante.

Le sue proprietà sono utili anche come soluzione stimolante e antinfiammatoria delle muscolature. L’olio viene largamente impiegato nella composizione di creme lenitive per il corpo.

Zenzero

L’olio essenziale di Zenzero dōTERRA esercita un effetto rilassante e antinfiammatorio sulla parte massaggiata del corpo.

È un olio particolarmente efficace in caso di dolori muscolari perché facilita l’assorbimento dell’acido lattico. Ottimo per favorire la circolazione, ha effetti drenanti che gli consentono di essere impiegato anche nei trattamenti anti-cellulite.

Bacca di Ginepro

L’olio essenziale dōTERRA di Bacca di Ginepro viene spesso impiegato nei massaggi per la sua azione drenante e depurativa. Le manipolazioni con questo olio possono essere eseguite, circolarmente, sulle principali stazioni linfatiche del corpo (collo, ascelle, inguine e gambe).

Quest’olio è utile anche per la sua azione disintossicante, antinfiammatoria e distensiva. Va ricordato, inoltre, che molti sportivi lo utilizzano nei massaggi perché riduce le imperfezioni della pelle (spesso causate dalla variazione di peso legata all’attività fisica).

Peppermint/Menta Piperita

L’olio essenziale di Menta Piperita dōTERRA è uno dei più venduti in assoluto. Le sue proprietà benefiche sono molteplici e impiegabili in diversi ambiti che riguardano la salute personale. È un olio che riduce le infiammazioni e aiuta a liberare il corpo da diverse impurità prodotte attraverso lo sforzo fisico. Nel caso dei massaggi, inoltre, il suo impiego è indirizzato al beneficio delle vie respiratorie e alla conquista di una generale sensazione rinfrescante del corpo.

Rosemary

Il Rosmarino è una pianta che da secoli vanta una vasta gamma di usi. L’olio essenziale dōTERRA  che se ne ricava riporta questi benefici al corpo attraverso l’applicazione sulla pelle, che lo assorbe rapidamente. Utile ad alleviare il senso di spossatezza e la tensione muscolare, l’olio di Rosmarino ha anche effetti antinfiammatori sulle articolazioni ed eventuali gonfiori della pelle.

Utilizzato per le sue proprietà stimolanti e depuratrici, è inoltre utile come cardiotonico e rimedio anticellulite.

Avrai notato che la scelta dell’olio essenziale più adatto al massaggio è legata anche al tipo di sforzo e all’allenamento che fai. dōTERRA ha studiato e progettato una varietà di oli ricca di proprietà importanti per dare al tuo corpo gli effetti che merita dopo un massaggio. Io ne beneficio spesso quando faccio sport durante la settimana e resto sempre soddisfatta, da anni!

Coccola i tuoi muscoli

Se pratichi sport e ti alleni, al di là di quanto tu lo faccia con frequenza e intensità, non dimenticare di regalare ai tuoi muscoli l’occasione di recuperare energia e relax in modo completo e sano. A trarne vantaggio sarà tutto il corpo nella sua funzionalità e nel suo splendore.

Ricorda sempre, però, che l’effetto degli oli essenziali può essere estremamente forte per la pelle. Per evitare eventuali reazioni epidermiche è bene diluirlo con un olio vettore – come l’olio di Cocco frazionato dōTERRA – prima di utilizzarlo nei massaggi.

Dopo questa raccomandazione ho il piacere di augurarti “Buon allenamento e buona cura di te tra massaggio e oli essenziali”. Se vorrai raccontarmi come è andata sarò felice di leggerti tra i commenti qui sotto o tramite la mail indicata sulla mia pagina contatti.

,

Oli Essenziali e Metodo Feldenkrais®

Recentemente sono venuta a conoscenza di un incredibile metodo chiamato Metodo Feldenkrais® che aiuta a sviluppare una più fine e profonda percezione di sé.

Ha come obiettivo il benessere fisico, psichico ed emotivo di ogni essere umano e permette di raggiungerlo grazie ad un costante apprendimento naturale. Il ruolo fondamentale nel Metodo, come anche nella vita, lo ha la consapevolezza, la chiave per un’esistenza serena, piena e gioiosa.

Credo che sia un metodo che tutti dovrebbero conoscere e provare almeno una volta nella vita!

Ecco perché vi riporto le risposte alle mie domande fatte ad un’insegnante Feldenkrais® conosciuta circa un anno fa. Immagino che ti staraichiedendo cosa c’entra tutto questo con gli oli essenziali dōTERRA, beh… te lo lascio raccontare da Isotta!

Isotta, parlaci un po’ del Metodo Feldenkrais® e di come e perché integri gli oli essenziali a questa pratica.

Il Metodo Feldenkrais® si basa sulla profonda integrazione fra movimento, percezioni, sensazioni, sentimento e pensiero. Integrare e rendere efficiente il nostro intero essere garantisce benessere e serenità in ogni aspetto della vita e in qualsiasi occasione essa ci ponga davanti. Una profonda conoscenza di sé aiuta a gestire al meglio qualsiasi eventualità, ecco perché è un Metodo utile e adatto a tutti!

Mette a contatto col proprio sé profondo, permette di ritrovare la pazienza e l’auto-rispetto vitale che le nostre vite frenetiche ci hanno sottratto. Inoltre, cosa a mio parere molto importante, aiuta ad affinare il fondamentale equilibrio tra ragione e sentimento.

Come si svolgono le lezioni?

Per darti un’idea concreta, oltre che un punto di vista scientifico, le lezioni Feldenkrais® parlano direttamente al nostro Sistema Nervoso e attivano la Neuroplasticità, la capacità che il cervello ha di riprogrammare costantemente il corpo in una maniera più efficiente.

In pratica le lezioni si svolgono in due semplici modalità:

  1. lezioni di gruppo (CAM® Consapevolezza Attraverso il Movimento) guidate dalla voce dell’insegnante che conduce gli allievi ad esplorare nuove possibilità di movimento con sequenze di movimenti facili e piacevoli che fanno prendere coscienza del proprio corpo e permettono di superare gli schemi motori abituali e scoprirne nuovi e più efficaci.
  2. lezioni individuali (IF® Integrazione Funzionale) in cui l’insegnante conduce i movimenti dell’allievo, in maniera rispettosa e non invasiva, guidandolo verso comprensione, maggiore consapevolezza e il conseguente miglioramento dei propri processi motori. Attraverso il tocco si stabilisce un contatto diretto tra il Sistema Nervoso dell’allievo e quello dell’insegnante ed è proprio questo dialogo che crea il contesto dell’apprendimento.

Dunque la cosa sorprendente è che tutto ciò di cui ti ho parlato prima viene innescato (durante il processo di apprendimento che avviene in ogni lezione) attraverso il movimento.

Il cervello è un organo meraviglioso, pieno di risorse! E d’altra parte si sa, il movimento è vita!

Perché usi gli oli essenziali nel Feldenkrais® e quali sono le miscele che ti piace diffondere durante le tue lezioni?

Da quando li ho scoperti, integro gli oli essenziali alle lezioni Feldenkrais® per regalare ai partecipanti un’esperienza sensoriale piacevole, ricca e soprattutto completa. È molto importante per me trasmettere il messaggio che imparare a stare bene con se stessi non deve essere necessariamente difficile, faticoso, doloroso o una lotta (tutti elementi che portano inevitabilmente negatività in qualche forma). Dovrebbe essere invece un’esperienza gioiosa, divertente e affascinante! Dipende solo da noi e da come ci approcciamo alla vita.

Utilizzo gli oli essenziali doTERRA soprattutto durante le lezioni di gruppo perché, come saprai, l’esperienza sensoriale olfattiva stimola determinate aree del cervello e produce una risposta chimica nel corpo che favorisce un emozione piuttosto che un’altra. Ciò permette di associare all’apprendimento generale anche la disposizione d’animo con cui fare ogni tipo di esperienza.

Sembra così strano, ma in realtà c’è una spiegazione scientifica. Infatti, scendendo un attimo nello specifico, saprai che l’olfatto è il più potente dei 5 sensi. È in grado di influenzare l’attività cerebrale perché è l’unico ad essere direttamente collegato al lobo limbico del cervello, l’importantissimo centro di controllo che gestisce le emozioni, i ricordi, gli istinti, l’apprendimento e le funzioni vitali.

L’olfatto, dunque, è collegato al cervello talmente tanto direttamente che prima avviene la reazione istintiva ed emotiva e solo dopo arriva il pensiero razionale. Non a caso un certo odore può evocare ricordi e sensazioni prima ancora di capire di quale odore si tratti.

Le lezioni Feldenkrais®, invece, hanno un forte impatto su tutti i livelli del Sistema Nervoso. In particolare gli stimoli dati dal movimento arrivano alla corteccia prefrontale, il più alto centro neurofisiologico per la programmazione del nostro comportamento, che è strettamente connessa al sistema limbico.

Quindi quando iniziamo un’azione la corteccia prefrontale coopera con altri centri del cervello per regolare: l’identità del corpo, gli aspetti sociali del nostro comportamento e la regolazione emotiva. È sorprendente scoprire come l’esperienza del Feldenkrais® influenzi anche ciò che crediamo essere un processo emotivo inconscio.

Perché hai fatto questa parentesi scientifica?

Perché è fondamentale per comprendere come sono strettamente connesse le sensazioni olfattive stimolate dagli oli essenziali e il Metodo Feldenkrais® dato che entrambi agiscono sulle stesse aree del cervello. Avendo dunque una stimolazione da diversi fronti si possono ottenere risultati strabilianti!

In particolare, le miscele che uso più spesso durante le mie lezioni sono:

  • Balance perché genera un senso di calma e benessere, favorisce il rilassamento ed evoca sensazioni di tranquillità ed equilibrio, tutti elementi perfetti per godersi una lezione al massimo!
  • Elevation: di solito lo uso durante lezioni un po’ più dinamiche perché stimola la vitalità e l’energia positiva, oltre che migliorare l’umore e l’autostima.
  • Forgive è molto interessante da usare perché stimola sensazioni di equilibrio, soddisfazione, sollievo e pazienza; tutti elementi che anche con le lezioni acquisisci, ma grazie agli oli hai una marcia in più, ti guidano piacevolmente nell’apprendimento!
  • Peace: lo uso perché ci sono molte persone per le quali il Feldenkrais® vuol dire concedersi un momento per sé, ritrovare la serenità dopo una giornata frenetica o un periodo difficile e questa è una miscela che aiuta a ritrovare e ristabilire calma e tranquillità interiore, contrasta ansie e paure, favorendo sentimenti di pace, serenità e appagamento.
  • Siberian Fir, infine, lo trovo perfetto perché quando viene diffuso nell’aria, oltre a facilitare la respirazione (elemento fondamentale in ogni lezione) e a rasserenare le emozioni, favorisce il senso di radicamento che è uno dei principali insegnamenti del Feldenkrais®.

Hai oli o miscele da consigliare a chi fa Feldenkrais® a casa?

Di certo tutte quelle precedenti usate col diffusore sono perfette! Inoltre mi sento di consigliare anche la miscela Past Tense perché ormai troppo spesso si è reduci da una giornata di lavoro o da un periodo intenso. Questa miscela è perfetta perché riduce stress e tensioni grazie al suo effetto lenitivo e rinfrescante, permettendo così di ritrovare il giusto “mood” per godersi il Feldenkrais®.

A chi suggerisci di usare queste miscele? Bisogna fare per forza Feldenkrais® per poterne apprezzare i benefici?

Ovviamente no! Tutti possono usufruire dei benefici degli oli essenziali. Chiaramente quando applicati in situazioni o contesti particolarmente adatti si può sfruttare la loro efficacia al massimo! Infatti ogni olio essenziale così come ogni lezione Feldenkrais® migliora la nostra vita impegnando quelle risorse più facilmente disponibili, ovvero quelle che abbiamo insite in noi per natura.

Sono entrambi strumenti per imparare a conoscersi e che portano al miglioramento e al benessere. L’applicazione più interessante degli oli essenziali (oltre a quella anti-infettiva) è l’essere parte di una più generale strategia per il miglioramento della qualità della vita in cui si inserisce chiaramente anche il Metodo Feldenkrais®.

Grazie ad una maggiore fiducia e ad una più profonda connessione con il nostro essere più profondo, sperimentiamo crescita personale, resilienza e vitalità!

Isotta Badalamenti, appassionata di attività all’aperto ed insegnante di Feldenkrais®.

Commenta questo post se vuoi approfondire l’argomento o fare delle domande. In alternativa scrivici in privato attraverso la pagina CONTATTI.

 

,

Oli essenziali per bambini

Quando dobbiamo fare delle scelte a favore dei nostri bambini l’elemento sicurezza è sempre al centro di tutto. Questa considerazione diventa ancora più importante se ciò a cui ci riferiamo è la loro salute fisica ed emotiva. Come poterci prendere cura di loro nel modo migliore?

Le risposte a questa domanda possono essere tante ma tra le più frequenti, di certo, troviamo quella che fa riferimento ai rimedi naturali (come gli oli essenziali) e che noi affronteremo insieme in questo articolo.

Perché usare gli oli essenziali per bambini

Ricorrere agli oli essenziali come supporto alle esigenze dei piccoli è una opportunità alla quale sempre più genitori iniziano a interessarsi. Ma per avventurarsi in un mondo nuovo è bene documentarsi a fondo.

Per cominciare ti ricordo che il mondo degli odori è estremamente importante per i bambini già dalle prime settimane di vita.

I neonati si orientano molto con l’odore e imparano a distinguere le cose in base a un senso di piacevolezza o sgradimento che li educa e che stimola la loro creatività.

Ricorrere agli oli essenziali per far fronte ad esigenze fisiche e per aiutarli a trovare serenità e quiete è un rimedio che viene accolto piacevolmente dai più piccoli, trasformandosi in occasione di incontro e condivisione con i propri genitori.

Per approfondire l’argomento, inoltre, è possibile fare riferimento a dei veri e propri manuali scritti da professionisti del settore. Questi hanno raccolto per anni risultati importanti sugli effetti positivi di ogni olio sulle esigenze degli adulti e dei bambini.

Ti suggerisco, ad esempio, il “Manuale di aromaterapia. Proprietà e uso terapeutico delle essenze aromatiche” scritto da Robert Tisserand, uno dei principali esperti internazionali di aromaterapia.

Quando usare gli oli essenziali

Gli oli essenziali per bambini possono essere utilizzati in diverse occasioni. Le loro proprietà, infatti, abbracciano trasversalmente molti ambiti del quotidiano offrendo soluzioni efficaci e naturali che migliorano il benessere generale della persona.

Ma per i più piccoli possiamo individuare alcune situazioni particolarmente ricorrenti che richiedono il loro utilizzo:

  • Coliche
  • Influenza e raffreddore
  • Dermatiti da pannolino
  • Dentizione
  • Irritabilità
  • Escoriazioni e contusioni
  • Insonnia

Capiamo insieme quali oli scegliere e come usarli.

QUALI OLI USARE E COME FARLO

L’esperienza nel campo degli oli essenziali mi ha insegnato che i bambini sono particolarmente attratti daglle essenze degli oli di agrumi e di fiori. Anche se altri oli risultano, comunque, molto apprezzati dal loro olfatto sensibile. Vediamo, allora, a quali oli mi riferisco.

Gli oli più amati dai bambini sono:

  • Mandarino
  • Arancio
  • Limone
  • Camomilla
  • Lavanda
  • Miele
  • Rosa
  • Cannella
  • Vaniglia

Le fragranze appena elencate possono essere usate in modo diverso: l’importante è fare attenzione a non lasciare le boccette di oli a portata di mano dei bambini. Il contatto con gli occhi, infatti, o l’ingerimento fuori misura, possono essere pericolosi.

Ma questo non deve preoccuparti. Basta soltanto essere prudenti, come in tutto quando si ha a che fare coi bambini.

Scopriamo come usare gli oli essenziali

Il modo migliore per i bambini sembra essere quello dei bagni aromatici: le gocce di olio vanno emulsionate nel miele liquido e poi sciolte nell’acqua del bagnetto. L’olio più indicato in questo caso è quello di Lavanda.

Altro metodo utile è l’applicazione topica diluita (in specifici oli frazionati) ad uso massaggi che favorisce un senso di rilassamento, di quiete prima del sonno, di supporto alla respirazione e di protezione da eventuali punture di insetti.

Gli oli più indicati in queste specifiche situazioni sono rispettivamente quelli di Basilico, Salvia, Eucalipto (per i bimbi al di sopra dei 3 anni) e Lavanda.

Mi sembra utile ricordare anche l’efficacia dell’olio essenziale di Limone per il supporto alla difesa immunitaria dell’organismo.

L’uso di oli essenziali per diffusione, infine, è particolarmente efficace coi bambini. Avviene grazie a diffusori – di cui abbiamo parlato in questo post – o piastre che vanno accesi e regolati all’interno delle camerette dei bimbi. I dosaggi saranno idonei alle esigenze e all’età. Gelsomino e Ylang Ylang sono i preferiti per l’effetto rilassante e anti stress.

Come avrai notato i metodi da utilizzare con i bambini sono uguali a quelli suggeriti per gli adulti, cambiano le dosi e con i più piccoli bisogna stare sempre più attenti. Soprattutto per loro, come per noi adulti, la scelta e l’uso degli oli vanno eseguiti con scrupolo. Ti sarà necessario il consiglio di un esperto ma solo dopo aver consultato il pediatra.

Per essere sicuro della qualità dei prodotti puoi affidarti alla linea dōTERRA®, che offre una vasta gamma di oli essenziali ideali a soddisfare ogni esigenza del tuo bambino.

Se desideri approfondire l’argomento e conoscere nel dettaglio le proprietà degli oli essenziali che possono aiutarti nella cura del tuo bambino, commenta questo articolo o vai alla pagina CONTATTI. Buona cura responsabile dei tuoi piccoli!